Via G. Garibaldi, 56 - 40056 Valsamoggia loc. Calcara di Crespellano (Bo) | info@teatrodelletemperie.com
scene di guerra teatri di pace

scene di guerra - teatri di pace - seconda edizione 2017
laboratori teatrali gratuiti per ragazzi delle III medie di Valsamoggia

> il progetto

“scene di guerra - teatri di pace” è un progetto di indagine, incontro, formazione sul periodo e gli eventi della prima guerra mondiale in cui la pratica teatrale, il patrimonio culturale museale e archivistico, alcuni percorsi di ricerca verranno utilizzati come strumenti per articolare un percorso creativo sui temi in oggetto. A partire dai luoghi e dalle persone del territorio di Valsamoggia coinvolti nella prima guerra mondiale, passando attraverso ricerche che coinvolgeranno biblioteche, musei, archivi e parte della cittadinanza, si cercherà di ricostruire il clima socio- politico del periodo, le motivazioni, le dinamiche e le conseguenze del conflitto. Successivamente queste ricerche verranno utilizzate come base di un lavoro teatrale che sintetizzerà artisticamente le informazioni storiche interpretandole anche alla luce di quella componente umana ed emotiva che ha segnato la generazione dell’epoca. “scene di guerra - teatri di pace” si articola in diversi interventi rivolti trasversalmente a tutta la cittadinanza con lo scopo di integrare conoscenze, valorizzare il territorio, stimolare una maggior sensibilizzazione sugli scenari di guerra.

> quando e dove

giovedì (a partire dal 9 febbraio 2017) ore 14.00 - 16.00 presso la sala Sognoveglio a Monteveglio

venerdì (a partire dal 10 febbraio 2017) ore 14.00 - 16.00 presso il Teatro Calcara

> i laboratori di teatro

18 incontri
per sperimentare insieme le emozioni, le dinamiche, le ragioni del conflitto. Un percorso coinvolgente e appassionante che integra la magia del teatro con l’esplorazione, il riconoscimento e la scoperta del proprio patrimonio emotivo. Attraverso l’improvvisazione e molti giochi di gruppo, andremo alla ricerca di tutte le nostre potenzialità emotive e comunicative per poi renderle espressive grazie alle regole della narrazione teatrale. Regole che non vengono imposte come limitazioni, ma anzi come ulteriore aiuto e trampolino per sviluppare al meglio tutto il proprio patrimonio immaginativo. Un’esperienza intensa in cui potremo sperimentare una dimensione creativa dell’apprendimento e condividere un viaggio appassionante. 

 

con il sostegno di:

  • Comune di Valsamoggia
  • Fondazione Rocca dei Bentivoglio
  • Museo Civico del Risorgimento di Bologna
  • Associazione Emilia Romagna al fronte
  • Sezione A.N.P.I. di Valsamoggia
  • Gruppo Alpini di Valsamoggia

 

GIORNATE DI RACCOLTA DELLE MEMORIE DI GUERRA

ll progetto “scene di guerra - teatri di pace” si articola in diversi interventi rivolti trasversalmente a tutta la cittadinanza di Valsamoggia con lo scopo di integrare conoscenze e offrire ai cittadini l’opportunità d confrontarsi su un passato comune: quello di tutti coloro che hanno condiviso gli anni della guerra. 

Tra gli interventi previsti, quello per la raccolta dei cimeli della seconda guerra mondiale.

Giornate di raccolta dei cimeli della Prima Guerra Mondiale:

  • sabato 4 marzo - dalle ore 09.00 alle ore 13.00
    Mediateca di Bazzano - Rocca dei Bentivoglio
  • lunedì 20 marzo - dalle ore 09.00 alle ore 13.00
    Biblioteca di Castello di Serravalle
  • giovedì 13 aprile - dalle ore 09.00 alle ore 12.30
    Biblioteca di Monteveglio
  • mercoledì 26 aprile  - dalle ore 09.30 alle ore 12.30
    Biblioteca di Crespellano
  • martedì 16 maggio - dalle ore 09.00 alle ore 12.00
    Biblioteca di Savigno dalle 9 alle 12


Tutto il materiale che viene raccolto, sarà digitalizzato on-line sul portale “www.storiaememoriadibologna.it

Attraverso “scene di guerra - teatri di pace”, oltre alla ricostruzione del clima socio-politico del periodo, delle dinamiche e delle conseguenze del conflitto, si vuole gettare un ponte tra generazioni per la condivisione della memoria storica e di un passato comune.

per informazioni 051-963037 / info@teatrodelletemperie.com

un grazie speciale a